Riviera Consulting
Prenota la tua consulenza gratuita!
Riviera Consulting
Ciao! 👋

Come possiamo aiutarti?
Skip to main content

Lo smartworking è un cambiamento profondo del modo di lavorare. Dà infatti spazio al valore delle persone mettendole alla prova non più all’interno di orari di lavoro definiti e schemi prestabiliti, ma di fronte a obiettivi semplici, misurabili, raggiungibili, rilevanti e settati nel tempo.

Si deve davvero passare dalla misurazione del tempo alla misurazione degli obiettivi.

Scegliere lo smartworking significa preferire fiducia e trasparenza a comando e controllo.

Il risvolto positivo sarà più autonomia e più responsabilità da parte di tutti e maggiore produttività e motivazione da parte dei lavoratori.

In molti paesi questa è la normalità mentre in Italia è visto come un “nuovo modo” di lavorare.

La realtà è che esiste un’alternativa all’ufficio dalle 9 alle 18 che può renderci più soddisfatti e felici delle nostre vite e, di conseguenza, più produttivi.

Se le aziende vogliono continuare ad attrarre e trattenere le migliori persone, devono pensare modi, tempi e spazi di lavoro che siano realmente progettati attorno alle persone.

La gestione del personale in smartworking

 

La modalità smartworking è sempre più adottata e apprezzata in quanto rappresenta in molte aziende un’innovazione.

Sono molti gli aspetti positivi, ad esempio la maggiore flessibilità, soprattutto per chi ha una famiglia e riesce quindi a gestire meglio gli impegni, raggiungendo un equilibrio tra lavoro e vita privata.

Ci sono però anche aspetti negativi quali il fatto di non relazionarsi di persona con i propri colleghi e rimanere sempre all’interno dello stesso ambiente creando una routine che rischia di diventare monotona.

Inoltre rappresenta una difficoltà anche per chi deve gestire e motivare il personale a distanza. E’ bene innanzitutto assicurarsi che il personale abbia a disposizione tutto il necessario per poter lavorare comodamente in smartworking e soprattutto che abbia ben chiari i suoi compiti da svolgere e gli obiettivi.

Un altro aspetto importante è il controllo: la produttività deve essere valutata in maniera settimanale attraverso l’utilizzo di statistiche e di obiettivi da raggiungere. Per garantire una corretta comunicazione e coinvolgere i collaboratori è bene sfruttare la tecnologia e gli strumenti che abbiamo a disposizione per chiamate, messaggistica e videochiamate e organizzare riunioni  periodiche per rimanere aggiornati.

Infine i collaboratori devono essere costantemente motivati per non perdere la loro determinazione. Bisogna quindi che ricevano i riconoscimenti opportuni quando necessario!

Le caratteristiche dello smartworker perfetto

Essendo lo smartworking una modalità che include un alto livello di autonomia, l’azienda deve affidarsi alle persone giuste, motivate e autodisciplinate.

Ecco quindi le caratteristiche ideali dello smartworker

  • Fedeltà e condivisione dei valori aziendali
  • Consapevolezza delle proprie responsabilità
  • Organizzazione e capacità di gestire bene il proprio tempo
  • Serietà, affidabilità e determinazione
  • Onestà e intraprendenza
  • Indipendenza
  • Costante ricerca di un proprio miglioramento

Ogni modalità di lavoro ha pro e contro e anche lo smartworking, come abbiamo appena visto, presenta vantaggi e svantaggi. L’importante è cercare di sfruttare al massimo le opportunità che questo “nuovo modo di lavorare” offre!

Leave a Reply