Riviera Consulting
Prenota la tua consulenza gratuita!
Riviera Consulting
Ciao! 👋

Come possiamo aiutarti?
Skip to main content

Viviamo in un’epoca in cui il mondo del lavoro sta attraversando cambiamenti significativi, dando vita a nuovi termini come “Great Resignation” e “Quiet Quitting”. Ma cosa significano davvero questi concetti?  Come possono influenzare la tua azienda?  E soprattutto, come si possono evitare? 

Great Resignation:

La “Great Resignation” è il fenomeno che ha visto un numero senza precedenti di lavoratori lasciare volontariamente il proprio impiego. Questo potrebbe essere dovuto a vari motivi, tra cui la ricerca di un maggiore equilibrio tra lavoro e vita, la necessità di sviluppo professionale o il desiderio di sperimentare nuove opportunità. Una delle grandi sfide delle aziende infatti è quella di trattenere i talenti esistenti e attirarne di nuovi.

Quiet Quitting:

Accanto a questa tendenza, emerge il concetto di “Quiet Quitting” o “dimissioni silenziose”. Questo fenomeno riguarda quei dipendenti che, sebbene possano ancora essere fisicamente presenti, hanno smesso di contribuire attivamente e si sono distaccati emotivamente dal lavoro. Identificare e affrontare questo tipo di situazione è fondamentale per preservare un ambiente di lavoro produttivo e positivo.

Quali soluzioni esistono?

La prevenzione della Great Resignation e del Quiet Quitting richiede un approccio proattivo e orientato al benessere dei dipendenti.

Esistono infatti delle strategie chiave che possono aiutarti, perché sappiamo tutti che prevenire è meglio che curare:

  • Programmi di riconoscimento e apprezzamento:

Celebrare i successi individuali e di squadra è un elemento essenziale che dovrebbe essere sempre integrato in ogni contesto e situazione. Infatti, celebrare e gratificare può contribuire a soddisfare il bisogno di apprezzamento, riducendo il rischio di disimpegno silenzioso e motivando i dipendenti a dare sempre il massimo.

  • Pianificazione della successione:

Garantire che i dipendenti abbiano chiare opportunità di crescita all’interno dell’azienda  stimola non solo  il loro impegno, ma stabilisce anche una struttura per il futuro della compagnia. Perché ognuno di noi desidera crescere ed evolversi. 

  • Cultura aziendale Inclusiva:

Promuovere una cultura aziendale inclusiva, basata sulla diversità e sull’equità, crea un ambiente in cui tutti si sentono valorizzati. Ciò può contribuire a prevenire il distacco emotivo e favorire il senso di appartenenza.Sappiamo inoltre che la flessibilità è diventata una priorità per molti lavoratori al giorno d’oggi… Offrire opzioni di lavoro flessibile può essere un elemento chiave per attirare e trattenere talenti.

  • Investire nel Benessere Aziendale:

Offrire programmi di benessere, come supporto psicologico, iniziative di fitness o momenti di condivisione e socialità ad esempio attraverso i Team Building può migliorare il benessere generale dei dipendenti, contribuendo a prevenire burnout e disimpegno.

La chiave per affrontare entrambi i fenomeni tutto sommato consiste nel mantenere una comunicazione aperta all’interno dell’azienda. I dipendenti devono sentirsi liberi di esprimere le proprie preoccupazioni e aspirazioni senza timore di giudizi. 

 Investire nel benessere dei dipendenti e nella loro crescita professionale non solo preserva il capitale umano, ma può anche diventare un elemento distintivo nel mercato del lavoro competitivo di oggi.

 

 

Se ti interessa l’argomento e desideri approfondire

Scopri il corso People Management

 

 

 

Leave a Reply